Varie

Cattolici adulatori di immagini e di creature umane alle quali si prostrano.

E’ nello stile cattolico quello di contravvenire alle scritture, con abili giri di parole si cerca di non far ricadere il loro fare nei divieti della Bibbia.

Si sente spesso rispondere, noi non adoriamo, veneriamo, oppure il comandamento che dice non prostratevi ad immagini scolpite che sono nei cieli, sulla terra e agli abissi era rivolta ai pagani, e comunque a idoli e animali, e non ha nulla a che vedere con le sante immagini dei santi che noi veneriamo… la chiesa cattolica su questo la sa molto lunga, e con i suoi teologi mette a punto sempre la risposta alla domanda.

Un po’ come hanno fatto per l’annullamento del matrimonio, loro dicono che il matrimonio è nullo e non annullato, in quanto dicendo annullato significa che prima esso fosse stato celebrato,  mentra dichiarando il matrimonio nullo lo rendono mai esistito, con questo principio se la persona che ha ricevuto la nullità dl matrimonio incontra una persona e si vuol sposare potrebbe per tale principio mentire alla persona dicendo che non è stato mai sposato… fatevi voi l’idea con quali persone avete a che fare…

Ma tornando al discorso delle adulazioni delle immagini analizziamo un pò più bibilicamente le affermazioni e le contraddizioni della chiesa cattolica confrontandole col vangelo.

Esodo 20:4

Non farti scultura, né immagine alcuna delle cose che sono lassù nel cielo o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra.

Risposta di molti: ma era rivolto ai pagani e alle divinità a forma di animali….

Risposta della chiesa perduta tratta dal vangelo:

Romani 1

20 Infatti, dalla creazione del mondo in poi, le sue perfezioni invisibili possono essere contemplate con l’intelletto nelle opere da lui compiute, come la sua eterna potenza e divinità; 21 essi sono dunque inescusabili, perché, pur conoscendo Dio, non gli hanno dato gloria né gli hanno reso grazie come a Dio, ma hanno vaneggiato nei loro ragionamenti e si è ottenebrata la loro mente ottusa. 22 Mentre si dichiaravano sapienti, sono diventati stolti 23 e hanno cambiato la gloria dell’incorruttibile Dio con l’immagine e la figura dell’uomo corruttibile, di uccelli, di quadrupedi e di rettili.

Dal passo letto pare che si ci rivolga non solo ad animali, ma anche a figura d’uomo…

Altro passo che smentisce che Esodo 20 sia rivolto solo ai pagani lo si può leggere in apocalisse, come ben sapete apocalisse guarda al fututo ai tempi della fine e dice:

Apocalisse 9:20

Il resto degli uomini che non furono uccisi da questi flagelli, non si ravvidero dalle opere delle loro mani; non cessarono di adorare i demòni e gli idoli d’oro, d’argento, di rame, di pietra e di legno, che non possono né vedere, né udire, né camminare.

Questo passo citato dovrebbe portare alla riflessione anche al più fanatico religioso che non ammette altro che quello che gli impone il suo culto.

Si noti che l’apostolo Giovanni vede la fine dei giorni ancora persone che si inginocchiano a pregare vicino a statuette, immaginate la scena alla quale assisteva in visione Giovanni, ossia a persone che durtante un cataclisma un terremoto, o bombardamenti atomici, corre e si iginocchia vicino a statuette della madonnina o di padri pii… e ora non si può tirare in mezzo il paganesimo, perchè i pagani del futuro che deve ancora venire sono proprio i cattolici con le loro statue.

Altro passo che fa comprendere che non bisogna prostrarsi a immagini umane neanche per chiedere grazie a nome loro è testimoniata dal seguente passo:

Apocalisse 19:10

Io mi prostrai ai suoi piedi per adorarlo. Ma egli mi disse: «Guàrdati dal farlo. Io sono un servo come te e come i tuoi fratelli che custodiscono la testimonianza di Gesù: adora Dio! Perché la testimonianza di Gesù è lo spirito della profezia».

Anche l’angelo che è figura superiore all’uomo vieta l’adorazione e di prostrasi ad egli, ma di rendere adorazione a Dio!

Atti 14

14 Ma gli apostoli Paolo e Barnaba, udito ciò, si strapparono le vesti, e balzarono in mezzo alla folla, gridando: 15 «Uomini, perché fate queste cose? Anche noi siamo esseri umani come voi; e vi predichiamo che da queste vanità vi convertiate al Dio vivente…

Nel passo prima descritto quando gli apostoli operavano miracolo la gente cercò di adorarli prostrandosi ai loro piedi, ma lgi apostoli si opposero dicendo di essere creature come loro e di non fare quel gesto…

Ma il cattolicesimo risponde che la figura dei santi è solo come mediatrice, nel senso che padre pio o la madonna mettono la buona parola con Dio, ma invece come scritto:

1Timoteo 2:5

Infatti c’è un solo Dio e anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo,

Come la mettiamo?

Qualcuno dice nelle preghiere madonna nostra “avvocata”

1Giovanni 2:1

Figlioli miei, vi scrivo queste cose perché non pecchiate; e se qualcuno ha peccato, noi abbiamo un avvocato presso il Padre: Gesù Cristo, il giusto.

Tutto il resto che dice la chiesa cattolica non lo trovate nella Bibbia ma nella bocca di uomini corrotti che hanno profanato il tempio di Dio con la loro tradizione che l’anno resa uguale al vangelo si legga come si rivolge Gesù ai sacerdoti:

Matteo 15:6

egli non è più obbligato a onorare suo padre o sua madre”. Così avete annullato la parola di Dio a motivo della vostra tradizione.

Ecco cosa dichiara oggi la chiesa cattolica:

Il Concilio di Trento dichiarò che la Tradizione deve essere ritenuta di eguale autorità che la Bibbia, nell’anno 1545. Per tradizione s’intendono insegnamenti umani. I farisei credevano lo stesso e Gesù li rimproverò acerbamente, poiché con la tradizione degli uomini si annulla la Parola di Dio. (Leggi: Marco 7:7-13; Colossesi 2:8; Apocalisse 22: 18).

Ma purtroppo il fanatismo religioso para fette di prociutto agli occhi dei loro seguaci i quali invece di affidarsi alla Parola di Dio si affidano alla parola degli uomini… che per dominare su di loro inventano i dogmi, e con questi dogmi alcune delle seguenti fesserie, l’immacolata concezione, l’assunsione di maria, la transustanziazione, la dottrina del purgatorio, l’infallibilità papale, cosè un dogma?  è un’imposizione papale che il cattolico deve accettare altrimenti è alieno alla fede!

l dogma cattolico è stato proclamato da papa Pio XII il 1 novembre 1950, anno santo, attraverso la costituzione apostolica Munificentissimus Deus (incipit latino, traducibile: “Dio generosissimo”). Questo è il passaggio finale del documento, con la solenne definizione dogmatica:

« Pertanto, dopo avere innalzato ancora a Dio supplici istanze, e avere invocato la luce dello Spirito di Verità, a gloria di Dio onnipotente, che ha riversato in Maria vergine la sua speciale benevolenza a onore del suo Figlio, Re immortale dei secoli e vincitore del peccato e della morte, a maggior gloria della sua augusta Madre e a gioia ed esultanza di tutta la chiesa, per l’autorità di nostro Signore Gesù Cristo, dei santi apostoli Pietro e Paolo e Nostra, pronunziamo, dichiariamo e definiamo essere dogma da Dio rivelato che: l’immacolata Madre di Dio sempre vergine Maria, terminato il corso della vita terrena, fu assunta alla gloria celeste in anima e corpo.
Perciò, se alcuno, che Dio non voglia, osasse negare o porre in dubbio volontariamente ciò che da Noi è stato definito, sappia che è venuto meno alla fede divina e cattolica. »
(Munificentissimus Deus)

Da notare che la proclamazione di un dogma è uno dei pochi casi in cui si esercita l’infallibilità papale (proclamata in maniera solenne nel 1870 da papa Pio IX e dai padri del Concilio Vaticano Primo), secondo cui il magistero del Papa, nel proclamare a certe condizioni una verità della fede o della morale, è infallibile.


Commenti chiusi .