Varie

Diventare evangelico? si! ma quale partito scegli? un movimento religioso nuovo, nato in america circa due secoli fa.

L’inizio del pentecostalismo in Italia una nuova alternativa made in U.S.A. al cristianesimo cristiano, dagli stessi U.S.A ci arrivano quasi come coetanei il prodotto TdG.

Culti che nascono nel XX secolo ma che rivendicano la loro discendenza alla chiesa primitiva.

In Italia il pentecostalismo sbarcò nel novembre 1908 con un amico e confratello di Francescon, Giacomo Lombardi (1862-1934), che organizzò i primi incontri a Roma e a La Spezia e fu seguito da Ottolini nel 1910. Gli anni successivi furono caratterizzati da una crescita spontanea fino al periodo 1928-1929, quando le chiese pentecostali italiane, oramai circa 125, dibatterono su questioni d’interpretazioni bibliche e di dottrina della salvezza esclusiva (solo coloro che erano stati battezzati dallo Spirito Santo e avevano provato la glossolalia potevano salvarsi, secondo Ottolini) dividendosi in un’ala oltranzista e in una più liberale capitanata da Giuseppe Petrelli (1876-1957). Nello stesso periodo (1930) fu costituita la Congregazione Cristiana Pentecostale, ma poco dopo (1935) fu emanata la famigerata circolare fascista Guidi-Buffarini (abrogata solo nel 1955), che dichiarava che il pentecostalismo “non poteva essere più permesso nel Regno … in quanto esso si estrinseca e concreta in pratiche religiose contrarie all’ordine sociale e nocive all’integrità fisica e psichica della razza”.

Da quel momento il pentecostalismo italiano passò nella clandestinità e i propri fedeli, spesso denunciati dai parroci cattolici, forse nel loro intento pensarono bene di rifarsi al passo degli EFESINI5 interpretando a discapito degli evangelici in questo modo:

11 Non partecipate alle opere infruttuose delle tenebre; piuttosto denunciatele; 12 perché è vergognoso perfino il parlare delle cose che costoro fanno di nascosto. 13 Ma tutte le cose, quando sono denunciate dalla luce, diventano manifeste; 14 poiché tutto ciò che è manifesto, è luce. Per questo è detto:

furono arrestati in massa ed alcuni [come Antonio Brunetti (1887-1944) a Mauthausen e Fidardo De Simoni (1898-1944) alle Fosse Ardeatine] pagarono con la propria vita.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale avvenne il rilancio del movimento nel periodo 1943-1947, prima al Sud poi al Nord, seguendo i tempi della liberazione da parte delle forze alleate anglo-americane: infatti, a questo periodo (1947 a Napoli) risale la fondazione delle Assemblee di Dio in Italia (ADI), affiliate alle Assemblies of God, ma molto autonome e coordinate da Umberto Nello Gorietti (1904-1982), che ne fu il presidente dal 1947 al 1977.

Ma contemporaneamente si formarono alcune chiese autonome pentecostali, di tipo congregazionalista, che rifiutarono l’apparentamento con le ADI e fondarono le Congregazioni Cristiane Pentecostali, oltre ad alcuni gruppi irriducibili, ispirati dalle idee liberali di Petrelli e totalmente isolati nella loro attività evangelica.

Dopo il già citato periodo d’ostilità da parte della Chiesa Cattolica e della Democrazia Cristiana, le cose migliorarono progressivamente dal 1955 con l’abolizione della circolare Guidi-Buffarini.
Principali organizzazioni pentecostali presenti in Italia

Il pentecostalismo in Italia conta oggigiorno dai 270.000 ai 310.000 fedeli (secondo le fonti). In pratica, quasi tutte le denominazioni pentecostali con una certa consistenza hanno un’affiliata o una sede in Italia e a queste si aggiungono le già citate chiese autonome pentecostali italiane: l’Enciclopedia delle Religioni in Italia ne conta almeno un centinaio! Tra le più note denominazioni, si annoverano:

*

Assemblee di Dio in Italia (ADI): nel nostro paese sono la prima e più strutturata chiesa pentecostale, con una gestione ibrida di tipo presbiteriano-congregazionale, ed è ammessa a ricevere i proventi dell’8 per mille delle tasse, secondo un accordo con lo Stato Italiano raggiunto nel 1986 e trasformato in legge n. 517 nel 1988. Esse contano in Italia circa 1.090 chiese e congregazioni, 482 pastori e oltre 150.000 fedeli. Sito internet: http://www.adi-it.org.
*

Congregazioni Cristiane Pentecostali: comprendono le circa 57 chiese o gruppi, per un totale di 5.000 (o forse anche 10.000) fedeli, che non aderirono all’ADI nel 1947, fondando questo movimento nel 1948 a Vittoria (Ragusa). Sito: http://web.tiscali.it/voceamica/
*

Chiesa Cristiana Pentecostale Italiana (CCPI): circa 3.000 fedeli in 35 chiese autonome, che fanno riferimento all’eredità storica e alla dottrina originaria del pentecostalismo congregazionalista italiano. Sito http://www.ccpi.it
*

Chiese pentecostali “zaccardiane”: i duri e puri 3.000 fedeli del movimento pentecostale, ispirati da Domenico Zaccardi (1900-1978).
*

Chiesa di Dio, wesleyana, con 3.000 fedeli e 30 comunità è stata fondata dal 1959 ed è l’associata italiana della Church of God (Cleveland, Tennessee).
*

Chiesa Apostolica in Italia, fondata nel 1928, deriva dal revival gallese e annovera 87 chiese/gruppi con circa 5.200 fedeli. Sito http://www.apostolici.net/. Da una scissione interna nel 1979 è sorta la quasi omonima Chiesa Apostolica Italiana (CAI), più votata al dialogo ecumenico.
*

Federazione delle Chiese Pentecostali (FCP) (Sito www.fcpitalia.org/) [prima del 2000, Comunione delle Chiese Evangeliche Pentecostali (CCEP)]: la più grossa aggregazione di chiese pentecostali dopo le ADI con circa 40.000 fedeli per un totale di 250 denominazioni diverse. Ne fanno parte, tra le altre:

o Chiese Elim in Italia (sito http://www.chiese-elim-in-italia.it/), consociata italiana delle Chiese Pentecostali Elim Britanniche, fondate nel 1993 con base a Milano, contano circa 6.000 fedeli: una delle punte di diamante del cosiddetto movimento della Seconda Pioggia (Latter Rain Movement), la loro dichiarazione di fede non fa menzione della glossolalia come prova del battesimo dello Spirito Santo. Inoltre la loro fede nell’imminente secondo arrivo (parusia) di Gesù Cristo non è complicata dalla dottrina dispensazionalista di John Nelson Darby, accettata invece da altre denominazioni pentecostali. Sito http://www.freeweb.org/freeweb/evan-city/elim.htm

o Comunione Chiese Cristiane (CCC): nata nel 1995 come associazione di chiese pentecostali – rappresentanti circa 6.000 fedeli – con lo scopo di propagare la dottrina evangelica.

o Consulta Evangelica: dal 1992 coordina circa sette chiese pentecostali della Campania per un totale di circa 10.000 membri. Sito internet: http://www.consultaevangelica.org/home.html

o Chiesa Evangelica Internazionale e Associazione Missionaria (CEIAM): fondata nel 1966 dal pastore americano John McTernan (1900-1974), la Chiesa ha molto lavorato per il dialogo con i cattolici. Afferma d’avere 15.000 fedeli e 30 chiese in Italia. Sito http://web.tiscalinet.it/ceiam

…..
……
…….
altre fonti interessanti qui: http://www.cesnur.org/religioni_italia/p/pentecostali_01.htm

Rispondi al post

You must be logged in to post a comment.